Giovedie - Folgore da San Gimignano


Testo:

Ed ogni giovedí tornïamento,
e giostrar cavalier ad uno ad uno,
e la battaglia sia ’n luogo comuno,
a cinquanta e cinquanta, e cento e cento.

Arme, destrieri e tutto guarnimento,
sien d’un paraggio addobbati ciascuno;
da terza a vespro, passato ’l digiuno:
allora si conosca chi ha vento.

E poi tornare a casa alle lor vaghe,
ove seranno i fin letti soprani;
e’ medici fasciar percosse e piaghe,

e le donne aitar con le lor mani;
e di vederle sí ciascun s’appaghe,
che la mattina sien guariti e sani.


Parafrasi

E ogni giovedì vi sia torneo e giostrino i cavalieri a uno a uno, e la contesa si svolga in luogo aperto, a cinquanta, a cento cavalieri. Di armi, di destrieri e di tutta l'apparecchiatura, ciascuno sta fornito allo stesso modo; dalla mattina alla sera [si combatta] senza interruzione, incuranti del digiuno, e alla fine si saprà chi è il vincitore. E poi tutti tornino a casa dalle loro innamorate, dove troveranno i loro morbidissimi letti e i medici che fasceranno le ferite, e le donne aiutino con le loro mani: e ciascuno sia tanto lieto di vederle che il mattino dopo torni sano e integro.


Commento

E' il giorno dei tornei: i cavalieri con le armi e i destrieri partecipano alle giostre  a gruppi di cinquanta e di cento. Sono molti, ma la poesia non esprime il senso della folla né l'ampiezza del grande spettacolo: sembrano le note di una sapiente regia. Dopo il torneo il ritorno a casa, dove medici e donne sanano le «percosse e piaghe».



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".