Di Gennaio - Folgore da San Gimignano


Testo:

I' doto voi del mese di gennaio
corte con fuochi di salette accese,
camere e letta d'ogni bello arnese,
lenzuol di seta e copertoi di vaio,

treggea, confetti e mescere a razzaio,
vestiti di doagio e di racese;
e 'n questo modo stare alle difese,
muova scirocco, garbino e rovaio;

uscir di fuor alcuna volta il giorno,
gittando della neve bella e bianca
alle donzelle che saran d'attorno;

e, quando la compagna fosse stanca,
a questa corte facciasi ritorno,
e sí riposi la brigata franca.


Parafrasi

Io vi assegno, nel mese di gennaio, una festa rallegrata da fuochi di erbe secche, camere e letti forniti d'ogni cosa adatta, lenzuola di seta e coperte di pelle pregiata di vaio, confetture, dolci, e vino frizzante da bere, pregiate vesti di Fiandra e di rascia: e in questo modo voi potrete starvene riparati, quando soffiano scirocco, libeccio e tramontana. Uscirete fuori qualche volta ogni giorno, giocando a gettare la neve bella e bianca alle fanciulle che staranno attorno; e quando la compagnia è stanca, si faccia ritorno a quella bella festa: e si riposi infine la libera e signorile brigata.


Commento

Siamo nel mese di gennaio, nell'intimità di salette coi fuochi accesi, al riparo dal freddo. I giochi d'inverno sono semplici e lieti: le palle di neve. Sembra la poesia di un mondo in pace; Siena era invece il centro dei Ghibellini di Toscana, e Folgòre era guelfo; ma l'ideale fantasia del poeta in questa corona di sonetti è serena; esprime le aspirazioni d'una borghesia che amava godere la ricchezza raggiunta.



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".