Sintesi: musica Jazz


Il Jazz è un genere musicale nato fra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento negli Stati Uniti da musicisti di colore E' caratterizzato da una sonorità eterogenea, vivace e brillante. Le voci dei cantanti godono di grande libertà. Le formazioni più comuni sono: il duo, trio, quartetto e le jazz band. Il Blues nasce dai Work songs e dagli Spirituals. Verso la fine dell'Ottocento nella città di New Orleans nascono le prime jazz bands. Nei primi decenni del Novecento il jazz conquista anche New York e Chicago. Questo periodo viene chiamato jazz classico e ha il suo più grande interprete in Louis Armstrong. Con la crisi del 1929 inizia l'era dello Swing, un jazz da ballare molto dinamico e di facile ascolto, eseguito da big bands. Dopo la seconda guerra mondiale i musicisti neri rivoluzionano il jazz: nasce il bepop eseguito da piccole bands. Il bepop ha i suoi maggiori interpreti in Dizzy Gillespie e  Charlie Parker. Negli anni sessanta nasce, invece, il free jazz caratterizzato da un'improvvisazione completamente libera da schemi e di difficile ascolto. Il jazz riguadagna l'attenzione del pubblico con il jazz rock che nasce a fine anni sessanta. Dagli anni settanta il jazz ha continuato il suo cammino avvicinandosi ad altri generi musicali. Negli anni Ottanta per indicare le contaminazioni fra generi musicali diversi viene utilizzato il termine fusion. Oggi il jazz è  costituito da una varietà di tendenze. La sperimentazione e la ricerca sono molto praticate dai jazzisti.



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".