Riassunto: Adamo ed Eva e la creazione dell'uomo


Il Signore ha creato l'uomo utilizzando la polvere del terreno, per dagli vita gli ha soffiato un alito di vita nelle narici e così anche l'uomo divenne un essere vivente, lo chiamò Adamo. La sua collocazione fu il giardino che aveva fatto germogliare, vi erano alberi piacevoli da vedere e ricchi di frutti prelibati da mangiare. In mezzo a questi tanti alberi, nel giardino, ne era presente un altro, quello della vita e quello della conoscenza del bene e del male. Il Signore gli disse che poteva cibarsi di tutti i frutti presenti in qualsiasi albero, ad eccezione dell'albero della conoscenza del bene e del male perché se l'avesse mangiato sarebbe morto sicuramente. 

Adamo ed Eva

Un uomo solo in mezzo a tanto spazio non è proprio il massimo della vita e così Dio gli volle concedere una compagna. Gli tolse una costola e con essa diede la vita a una creatura gentile, che chiamò Eva. Adesso ad Adamo ed Eva non mancava proprio nulla, avrebbero potuto vivere eternamente felici, si potevano cibare di tutti i frutti presenti nel paradiso terrestre e inoltre potevano godere della vicinanza del Signore. Tanta libertà li portò però a commettere un peccato gravissimo: Eva conobbe il demonio sotto forma di serpente, questi la fece cadere in tentazione e così Eva mangiò il frutto proibito (una mela) ed ella riuscì a persuadere anche Adamo che lo mangiò. Il Signore si sdegno così tanto dell'accaduto che da quel giorno Adamo ed Eva furono cacciati dal paradiso terreste, non potevano quindi più contare del cibo sicuro ed il pane dovettero guadagnarselo attraverso il sudore e la fatica. Adamo conosceva perfettamente le conseguenze ma nonostante questo si era fatto convincere da Eva che a sua volta era stata abbindolata dal serpente del demonio, e così tutti gli uomini (comprese le donne ovviamente) ad eccezione di Maria, madre di Gesù, nascono col peccato originale che può essere cancellato solamente attraverso il Battesimo. Ebbero tre figli: Caino, Abele e Set.



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".