Tema: Periodo Storico


di Scuola Elementare
Tema Svolto: Parla di un periodo storico che ti ha particolarmente colpito

A me è sempre piaciuto studiare storia. Un periodo storico che mi ha particolarmente colpito è stata la Rivoluzione industriale.
La Rivoluzione industriale nacque in Inghilterra nella seconda metà del XVIII secolo. Ci fu un nuovo modo di produrre merce e di lavorare, usando le macchine.
Con tutte queste macchine non servivano molte persone e quindi molti vennero licenziati e ci furono una massa di disoccupati in conseguenza del fatto che le invenzioni sostituirono il lavoro dell’uomo e degli animali come la macchina a vapore, il telaio meccanico, la locomotiva a vapore e tutti utilizzavano per il loro funzionamento il carbone.
In Inghilterra i ricchi borghesi avevano costruito grandi aziende agricole sui terreni acquistati dai nobili.
A causa delle recinzioni intorno ai campi molti contadini non potevano far pascolare i pochi animali che possedevano e rimasero senza lavoro.
Moltissimi per trovare un lavoro si spostarono in città e andarono a lavorare nelle fabbriche dove i salari erano bassissimi e dovevano lavorare in condizioni disastrose e così i borghesi avevano a disposizione manodopera a basso costo e si arricchirono tantissimo.
Oltre agli uomini lavoravano anche le donne e i bambini.
I bambini, lavoravano nelle fabbriche tessili per 14 o 15 ore al giorno fin dall'età di 6 anni. Molti erano costretti a fare lavori molto pericolosi nelle miniere di carbone.
Dovevano spingere i carrelli pieni di carbone soli al buio, molti si addormentavano sopra le macchine e si ferivano sugli ingranaggi.
Avevano solo 20 minuti di pausa per consumare il poco pasto che avevano. Moli morivano e quelli che sopravvivevano erano affamati e ammalati.
Oggi le cose sono cambiate, i bambini non devono fare lavori pesanti e pericolosi, perché c’è la legge che lo vieta.



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".