Le parole variabili e invariabili


Le parole variabili e invariabili

Come abbiamo recentemente spiegato, il periodo è composto da proposizioni che a sua volta sono determinate dai verbi.
Se ad esempio confrontiamo le due frasi:
Uffa! Il compito è davvero difficile e io non so se lo finirò da sola.
Uffa! I compiti sono davvero difficili e noi non sappiamo se li finiremo da soli.

Se scomponiamo le seguenti frasi, notiamo che le singole parole hanno diverse funzioni all’interno della frase, a seconda di tali funzioni vengono classificate in variabili (subiscono mutazioni) e invariabili (non subiscono mutazioni). Confrontando le due frasi precedenti noteremo:

Variabili: Il compito è difficile io so lo finirò sola --- I compiti sono difficili noi sappiamo li finiremo soli.
Invariabili: Uffa davvero e non se da

Le parole variabili mutano per dare informazioni di genere, numero, modo, tempo e persona. Le classi di parole variabili sono cinque: sostantivi (compito), articoli (il), aggettivi (difficile), pronomi (io, lo), verbi (è, finirò).
Le parole che non mutano mai vengono chiamate invariabili. Le classi di parole invariabili sono quattro: avverbi (davvero, non) preposizioni (da), congiunzioni (e, se), esclamazioni (uffa).
Queste nove classi o categorie o parti del discorso hanno funzioni e caratteristiche specifiche che tratteremo nelle future discussioni del blog.


Nessun commento:

Scrivi un commento

Se trovate imperfezioni o volete aggiungere qualcosa all'articolo lasciate un commento.
Per commentare, dovete usare un account Google / Gmail.