Chi fa da sé fa per tre


Cosa significa il proverbio "Chi fa da sé fa per tre": origine, spiegazione e come si usa nella lingua italiana.

Chi fa da sé fa per tre è un famosissimo proverbio italiano. Non possiamo risalire alla sua origine o all'autore di questa dicitura che, spesso, viene messa in discussione: si viene a creare una sorta di scontro fra chi preferisce lavorare in gruppo, come una squadra, e chi invece preferisce lavorare da solo, senza interferenze.

La traduzione letterale in inglese di questo proverbio è: "If you do something by yourself, you can do what 3 people could do!"



Significato

Il proverbio sta a significare che se una persona intraprende un'attività, senza coinvolgere altre persone in suo aiuto, riuscirà ugualmente a completarla e anche in modo così sorprendentemente bene da far sembrare che il lavoro sia stato eseguito da ben tre persone.

Probabilmente il numero "tre" è stato scelto, rispetto a un 2 o a un 4, perché è considerato il numero perfetto per vari riferimenti matematici, religiosi e anche un po' superstiziosi.

Alcuni credono che il significato di questo proverbio sia che un individuo deve lavorare (sgobbare) anche per gli altri due sfaticati. In realtà questa versione è errata. Come abbiamo già detto, la versione corretta è quella che un individuo lavora ma senza gli altri due, cioè li esclude totalmente dalla sua attività oppure sono loro stessi ad autoescludersi.

E più logico e ironico, invece, che accada questo:
"Chi fa da sé fa per tre e crea due disoccupati".



Vantaggi e svantaggi

Vantaggi: I vantaggi del fare tutto da soli consistono nel non dover temere gli errori commessi dagli altri aiutanti volutamente o per negligenza, perché qualsiasi errore commesso avrà un solo responsabile: noi stessi; d'altra parte qualsiasi successo non dovremo condividerlo con nessuno e potremo vantarci di aver fatto tutto da soli. Inoltre non c'è bisogno di spiegare a nessuno come funzionano le cose e questo farà sicuramente risparmiare tempo prezioso, e anche se il progetto non convince non si deve dare alcuna spiegazione a nessuno, e alla peggio, in caso di fallimento, possiamo sempre far finta di nulla dato che nessun altro ne è coinvolto.

Svantaggi: Gli svantaggi del fare tutto da soli possono essere la mancanza di idee, l'assenza di qualcuno che ci dia il cambio per ragioni di sicurezza (a seconda del tipo di lavoro), lo stress accumulato perché non si ha nessuno durante il lavoro con la quale scambiare quattro chiacchiere e scherzare. In caso di errore, qualcuno che sorveglia la situazione potrebbe accorgersene in tempo prima che il danno diventi davvero irreparabile.


Ricordiamo che i proverbi non sono delle verità assolute e, dal momento che ne esiste uno per ogni situazione, vuol dire che se il proverbio "chi fa da sé fa per tre" ci invita ad agire da soli, ve ne sono altri che favoriscono l'operato di gruppo, come "l'unione fa la forza".



Curiosità

Tra il 1526 e il 1533, il minatore Colombano Romean, scavò, in completa solitudine, un'opera idraulica quasi incredibile: il Gran Pertus (piemontese, per grande buco e buco), una galleria di 400 metri che si trova a 2015 metri sopra il livello del mare. Essa permette di convogliare in Val di Susa le acque della vicina Val Clarea. È tuttora funzionante e nei mesi di minor portata (tra agosto e ottobre) è anche possibile percorrerlo a piedi, ovviamente muniti di torce, attrezzature e vestiario adeguato.

Per questo individuo, probabilmente, è anche troppo riduttivo dire che ha fatto per tre.



Come si usa?

Vi sono molti modi per utilizzare questo proverbio, per esempio: quando si lavora in squadra e tutto d'un tratto per disaccordi o altre esigenze tutti i componenti del team (escluso uno) decidono di abbondare il progetto su cui stavano lavorando.

ESEMPIO:
[con disappunto] Perché mi mollate proprio adesso? E va bene, me la sbrigherò da solo, tanto chi fa da sé fa per tre...

Quando si arriva in ritardo in qualcosa dove lo scopo era lavorare insieme: ad esempio la realizzazione delle ricerche di gruppo che di tanto in tanto gli insegnanti assegnano ai loro studenti che dovranno darsi appuntamento nella casa di uno di loro (per migliorare i loro rapporti sociali). Può capitare che qualcuno quel giorno sia stato assente o che abbia avuto la febbre e non potendo organizzarsi con gli altri compagni decide di farsi la ricerca da solo.

ESEMPIO:
[con tono ironico] La mia ricerca è sicuramente venuta meglio della vostra. Chi fa da sé fa per tre...

Quindi il proverbio viene usato principalmente per vantarsi di riuscire a fare le stesse cose che riescono a fare tre persone, oppure per rinfacciare agli altri che si sta agendo da soli, e in un certo senso si sta invocando l'aiuto di chi gli è vicino ma senza ammettere di averne bisogno.


Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".