Differenza tra resistenza elettrica e resistore
     


Differenza tra resistenza elettrica e resistore


Resistenza o resistore: qual è il termine corretto? Dal momento che entrambi sono corretti e reperibili in un qualunque dizionario, bisognerà conoscere il significato di ognuno. L'errore più comune è quello di fare riferimento al resistore utilizzando impropriamente il termine resistenza, ma non sono sinonimi!



Resistore

Il resistore è un tipo di componente elettrico destinato a opporre una specifica resistenza elettrica al passaggio della corrente. I resistori sono a volte utilizzati per convertire energia elettrica in energia termica.
In figura è illustrato sia il componente, sia il simbolo elettrico.



Resistenza

La resistenza elettrica è una grandezza fisica scalare che misura la tendenza di un corpo ad opporsi al passaggio di una corrente elettrica, quando sottoposto ad una tensione elettrica.
La resistenza si misura in Ohm e il simbolo dell'unità di misura è , mentre lo strumento utilizzato per la sua misurazione si chiama ohmmetro.
In un circuito ohmico la resistenza è il rapporto tra la differenza di potenziale e l'intensità di corrente, riassumendo questo concetto in formula: R=V/I



La differenza

I resistori sono gli oggetti materiali che facciamo attraversare dalla corrente elettrica, le resistenze sono numeri che indicano una loro particolare proprietà (di opporsi al passaggio della corrente elettrica).
Quindi ogni resistore (oggetto) ha una sua resistenza (numero).

È dunque scorretto dire: "resistenze in parallelo o in serie" e anche "circuito con resistenze" e ancora "la corrente che passa per una resistenza".
In quest'ultimo caso si deve dire: "la corrente che passa per un resistore".



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".