La vita di Ungaretti in breve



Nasce nel 1888, ad Alessandria d’Egitto, perché il padre lavorava nel canale di Suez, e qui trascorse la sua prima giovinezza.
Importanti saranno i suoi ricordi di questo periodo: deserti, miraggi, beduini, ecc., che gli daranno l’ispirazione per molte sue composizioni.
Una seconda fase della sua vita comprenderà gli anni trascorsi in Francia fra il 1912 e la prima guerra mondiale.
A Parigi il poeta entra in contatto con gli esponenti delle avanguardie artistiche e culturali, fra cui anche Picasso.
La terza fase coincide con l’esperienza diretta nella prima guerra mondiale dove partecipa come soldato semplice, rifiutando una carica più alta; era stato un acceso interventista.
La guerra di trincea, però, non da spazio a delle azioni grandi, perché ha una realtà giornaliera molto squallida: fame, freddo e sporcizia, oltre all'angoscia della morte costantemente in agguato.
A tutto questo si aggiunge la consapevolezza dell’inutilità e atrocità del conflitto.
Durante la guerra nascono le seguenti raccolte di poesie: “Il Porto Sepolto”, “Allegria di Naufragi”
Nel 1936 si trasferisce in Brasile, dove insegnerà letteratura italiana all'università di S. Paolo, qui viene segnato da un grave lutto per la morte del figlio Antonietto, di 9 anni.
Torna in Italia nel 1940 e insegna nell'università di Roma. È considerato un maestro indiscusso già di grande fama internazionale. Muore a Milano, nel 1970.



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".