Mappa concettuale: Teatro del secondo Ottocento



Il teatro del 2° Ottocento rappresenta la società borghese, il sociale e il quotidiano con i problemi familiari, di coppia e di denaro. Applica il naturalismo con Henry Becque (1837-1899) a partire dall'opera "I corvi" 1882, seguita da "La parigina" 1885, ritratto del libertinaggio.

Ha in Italia autori di drammi borghesi come Giuseppe Giacosa (1847-1906) e Marco Praga (1862-1929) legati alla scapigliatura piemontese che rappresentano il triangolo marito, moglie e amante.
I drammi borghesi sono meglio rappresentati nel teatro scandinavo da Henrik Ibsen che ne denuncia le contraddizioni e il maschilismo.

Vede il successo del teatro dialettale i cui esponenti furono il torinese Barsezio, il veneziano Giacinto Gallina, il napoletano Salvatore di Giacomo.

Nel 1884 inizia il teatro verista con i drammi di Giovanni Verga.




Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".