Mappa concettuale: La sconfitta dell'estetismo



La sconfitta dell'estetismo vince sull'apparente vitalità dell'esteta, perché vi è la consapevolezza di una sconfitta esistenziale. Consapevolezza che la bellezza e la gioventù sono transitorie, che il piacere si esaurisce lasciando l'uomo "all'insopportabile tedio della quotidianità" come D'Annunzio ossessionato dalla vecchiaia. La sconfitta dell'estetismo è ben descritta dal francese Joris Huysmans, nel romanzo A Rebours (= A ritroso), dove il protagonista Des Esseintes che vive di solo arte e bellezza cade in una nevrosi guaribile solo da un ritroso alla vita comune.




Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".