Mappa concettuale: I Macchiaioli



I Macchiaioli nascono in Toscana e operano dal 1855 al 1867 influenzando la pittura italiana sino al 1900.

La Toscana, in quanto capitale culturale libera da austriaci, papi e borboni, perciò il Caffè Michelangiolo di Firenze diventa il ritrovo di giovani artisti liberali connessi agli impressionisti francese come Federico Zandomenechi. Fra i quali vi sono Telemaco Signorini che diede il nome al gruppo, Giovanni Fattori, Nino Costa, Silvestro Lega, Odoardo Borrani, Giuseppe Abbati, Adriano Cecioni, Raffaekki Sernesi.

I Macchiaioli hanno come teorico Diego Martelli (1838-96) che per primo ideò la macchia in opposto alla forma: per il senso del vero e contro l'accademismo.

I Macchiaioli affermano che vediamo con la luce, non l'attimo fuggente, ma il senso della realtà in modo globale, non come somma di impressioni al contrario degli impressionisti. Quindi va riprodotta la luce attraverso macchie di ombre e colori, scompare il disegno, i dipinti sono massicci e ben strutturati. I temi sono quelli della vita quotidiana.



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".