Mappa concettuale: Post-Impressionismo



Il post-impressionismo si sviluppa in Francia dal 1880 con ripercussioni in tutta Europa. È fondamentale per la nascita delle avanguardia del '900 che partendo dall'impressionismo vogliono andare oltre in una ricerca sempre più personale.

Le caratteristiche del post-impressionismo sono il rifiuto della sola impressione visiva, ricerca della solidità dell'immagine attraverso il colore, libertà del colore, sicurezza del contorno.


I massimi esponenti sono Paul Cezanne, Georges Seurat, Paul Gaugin, Vincent Van Gogh.

- Paul Cezanne opera con intelletto e geometria e, isola i volumi dei soggetti. È ritenuto il padre del cubismo.

- Georges Seurat applica il principio del contrasto simultaneo alla sua tecnica divisionista (colori puri tenuti divisi) per avere la massima luminosità e lavora in studio e fuori su grandi tele e in molto tempo, puntinista (con la punta del pennello), le pose sono statiche e classiche.

- Paul Gaugin trova in Polinesia la vita primitiva e libera, riproduce la realtà come la sente (anti naturalismo). Usa la tecnica del cloisonnisme (contorno nero) e colori caldi, piatti, senza sfumatura. Recupera le due dimensioni, le figure sintetiche danno il nome al suo "sintetismo".

- Vincent Van Gogh, istintivo e tormentato, è estraneo ai suoi simili. Applica la teoria del divisionismo ma immediato e veloce con colori complementari, introspettivi e luminosi. Per l'alienazione si suicida nel 1980.




Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".