Mappa concettuale: Repubblica di Weimar



Nel 1918 l'imperatore Guglielmo II è costretto ad abdicare. La Germania diventa una repubblica controllata dai consigli degli operai e dei soldati che vogliono una rivoluzione socialista.

È un periodo di crisi sociale ed economica, il partito socialdemocratico vuole una repubblica parlamentare, la lega di Spartaco tenta una insurrezione che finisce nel sangue.

Nel 1919 l'assemblea costituente dà vita alla Repubblica di Weimar con socialdemocratici, partito democratico e il centro, ma senza il sostegno dei comunisti e della destra. Gli industriali e l'aristocrazia (che controllava l'esercito) avrebbero voluto uno stato autoritario.

Nel 1920 si fonda a Monaco di Baviera il partito nazionalsocialista dei lavoratori tedeschi (partito Nazista), una formazione di estrema destra, razzista e anti-democratico comandato da Adolf Hitler. Era sostenuto dal ceto medio, dall'alta borghesia e da molti disoccupati. Si propone di combattere le forze politiche socialista anche con la violenza. Cresce di popolarità con la crisi del 1929. Il 30 gennaio 1933 Hitler diventa cancelliere e instaura in Germanua una dittatura.




Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".