Mappa concettuale: Primo Levi - Se questo è un uomo



L'autore di "Se questo è un uomo" è primo Levi, lo ha scritto nel 1946 e racconta la sua cattura e la sua deportazione dal 1943 al 45 nel lager di Auschwitz in cui si salva per aver superato un esame di chimica, diventando così uno specialista, un "salvato", diversamente da chi non si adegua al lager.

È diviso in 17 capitoli con alla fine una prefazione e la celebre poesia, ad epigrafe, già pensata nel lager di Auschwitz.

Protagonisti: Il protagonista è lo scrittore stesso che ricorda in 1° persona, poi ci sono i prigionieri e i carcerieri.

Genere: È un libro di memorie, un libro-documento, uno studio scientifico sulle leggi dei lager.

Stile: Documentario severo e lucido, lessico preciso, chiaro e comprensibile a tutti.

Temi: sono legati al momento storico: La shoa e la deportazione, la solitudine e l'inferno, la competizione per la vita. L'intento di togliere l'anima per ridurre a bestie l'invito a ricordare la violenza gratuita dell'uomo, le aberrazioni della storia, il dovere di tramandare la memoria storica.

Tecniche narrative: alternanza del tempo presente con quello passato. Costruisce l'opera sulla contraddizione fra razionalità del vivere comune e irrazionalità dei lager con schemi precisi.




Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".