Mappa concettuale: Ungaretti - Essenzialità e dolore



In Ungaretti, la parola poetica nasce come reazione alla violenza della guerra e rifiuto della sua esagerata retorica. Per cui essa non è il facile canto spiegato a piena voce ma la parola essenziale, quindi la parola poetica è nel mistero profondo della realtà naturale umana (Il porto sepolto, Commiato) e la poesia è un difficile e faticoso lavoro di scavo. Deve essere scarna, faticosa, umana (cioè di tutti come un canto universale. Si manifesta quando la radice ultima del nostro essere umani si rivela in un'intuizione che è assoluta e superiore all'uomo stesso, alla quale il poeta aggiunge il lavoro linguistico per tradurre l'illuminazione in parola sulla poesia.

Fonte: Mapper-Mapper



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".