Mappa concettuale: Dada o Dadaismo




Il Dada o Dadaismo è una tendenza che nasce a Zurigo durante la 2° guerra mondiale da alcuni intellettuali di varia provenienza, che aprono a Zurigo il cabaret Voltaire, in nome della ragione contro l'irrazionalità della guerra.
Il promotore è il poeta tedesco Hugo Ball (1886-1927) che si trova rifugiato in Svizzera, al quale si uniscono Hausmann, Duchamp, Picabia, Man Ray, lo scultore alsaziano Hans Arp, il pittore rumeno Marcel Janco e il poeta rumeno Tristan Tzara. Essi condividono la giovane età (30 anni) e il rifiuto per i valori di un passato negativo.
Il Dada è un nonsenso per definizione, è un gioco e un paradosso provocatorio, è allo stesso tempo arte e negazione dell'arte.
Nel 1918 Tristan Tzara scrive il manifesto Dada, dichiarando che l'opera d'arte non deve più rappresentare la bellezza che è morta, come morta e inutile è la critica.
Il Dada muore nel 1922-23 ma le sue idee si diffonderanno specie in America, ma anche a Berlino, Colonia, Hannover e Parigi. I Dadaisti volgeranno poi al surrealismo, all'astrattismo, oppure cesseranno ogni loro attività.

Fonte: Mapper-Mapper



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".