Mappa concettuale: Tempo del racconto



Il tempo del racconto è diverso dal tempo reale. Segue un ritmo di righe, pagine, paragrafi, capitoli. Il tempo può essere lento, rapido o pausato come lo schema del critico Genette. La scena (tempo reale = narrazione), il riassunto dei fatti è il sommario, quando si toglie una parte si ha una ellissi, l'intervallo descrittivo si chiama pausa.


È diviso in 3 tempi:

- della storia narrata: è l'epoca, il secolo, il giorno... in cui si svolge la vicenda.

- della scrittura o del narratore: tempo in cui il narratore narra la storia.

- della lettura: tempo in cui il lettore legge la storia.


Il tempo del racconto ha dei segnalatori dei piani temporali: i verbi narrativi (passato remoto, imperfetto, condizionale) o verbi discorsivi se contemporanei alla narrazione (presente, futuro, passato prossimo).
Può essere del tempo misto (verbi mischiati).



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".