Come ricaricare la Postepay


La Postepay è una carta prepagata che serve a contenere dei soldi, la si può usare per fare acquisti online e anche al supermercato. È utile perché permette di andare in giro senza banconote volanti e con minore preoccupazione. Se una Postepay contiene 20€, il massimo che si può spendere è 20€... col bancomat c'è il rischio di perdere molti più soldi se dovesse finire nelle mani sbagliate.
Molti snobbano la Postepay, ma non è affatto da buttare, in quanto la maggior parte dei siti dove si acquistano prodotti (es. Amazon) accettano come metodo di pagamento la carta di credito (non tutti la possiedono) oppure Prepagate Paypal (non è la classica Paypal) e quindi diventa indispensabile essere in possesso di una Postepay perché è il metodo più veloce per completare l'acquisto. La Postepay si può ricaricare ogni volta che si vuole e in questo articolo andremo a vedere tutti i possibili metodi per ricaricare la propria carta Postepay o quella di un amico/familiare.


Ricarica presso gli uffici postali

Il metodo tradizionale per ricaricare la Postepay è recarsi presso l'ufficio postale più vicino, per sapere dove si trova potete sfruttare il servizio di ricerca presente sul sito delle poste.
Tutto quello che dovete fare è consegnare il numero della carta Postepay che desiderate ricaricare e poi un documento di riconoscimento che può essere la carta d'identità o la patente. L'operatore della posta vi darà un modulo da compilare e firmare in cui dovrete specificare l'importo che deve essere ricaricato.
Se si possiede un'altra Postepay o una carta Postamat Maestro è possibile trasferire il denaro da una carta all'altra, sempre dall'ufficio postale. In tutti i casi la ricarica arriva immediatamente ed è subito disponibile e, dovrete pagare 1,00 € di commissione.


Ricarica tramite sportello ATM

Solitamente nelle poste si vengono a formare lunghe code di persone e le attese sono veramente noiose, fortunatamente è possibile ricaricare la Postepay anche da uno sportello ATM. Utilizzando il servizio di ricerca offerto dal sito delle poste potrete sapere dove si trova quello più vicino.
In questo caso il documento di riconoscimento non è necessario, vi basterà inserire la Postepay come raffigurato nello sportello e seguire le indicazioni che vi vengono fornite. Sempre dallo sportello è possibile ricaricare una carta Postepay utilizzando una carta BancoPosta oppure altri tipi di carte come Visa, Visa Electron, Vpay, MasterCard oppure Maestro.


Ricarica presso ricevitorie e tabaccherie

Le tabaccherie (o tabacchini) non sono fatte "solo per vendere sigarette", ad esempio è possibile ricaricare la propria Postepay consegnandogli il numero da ricaricare e il codice fiscale del titolare. La ricarica effettuabile va da un minimo di 1,00 € a un massimo di 997,99 €. Inoltre la commissione per l'esecuzione della ricarica è di 2,00 euro.


Ricaricare Postepay online

Se non avete alcuna intenzioni di uscire, potrete ricaricare la Postepay direttamente da casa. In questo caso, vi basterà accedere al sito BancoPosta Click e digitare il numero della carta Postepay del beneficiario, il suo nome e l'importo da ricaricare. 
La ricarica della Postepay può essere effettuata anche da un dispositivo mobile attraverso le app per Android e iPhone.
Inoltre se siete i titolari di un conto corrente presso una delle banche che supportano Postepay (es. quelle del gruppo Bpiemme), potrete ricaricare la vostra carta direttamente da internet utilizzando il servizio di home banking.

Se invece siete in possesso di un conto Paypal, potrete collegare la carta Postepay al conto Paypal, così da poter trasferire i soldi con maggior facilità e sicurezza. Tuttavia questa opzione è la meno consigliata perché il trasferimento dei soldi varia da 5 a 7 giorni lavorativi... invece come già detto prima, tramite posta o tabaccheria, il trasferimento è immediato.



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".