Dante Alighier, Cecco, 'l tu' serv'e amico - Cecco Angiolieri


Cecco rileva una contraddizione in cui Dante era caduto parlando di Beatrice.


Testo:

Dante Alighier, Cecco, 'l tu' serv'e amico,
si raccomand'a te com'a segnore;
e sì ti prego per lo dio d'Amore,
il qual è stat'un tu' signor antico,

che mi perdoni s'ispiacer ti dico,
ché mi dà sicurtà 'l tu' gentil cuore;
quel ch'i' ti dico, è di questo tenore:
ch'al tu' sonetto in parte contraddico.

Ch'al meo parer ne l'una muta dice
che non intendi su' sottil parlare,
a que' che vide la tua Beatrice;

e puoi hai detto a le tue donne care
che tu lo 'ntendi: adunque, contraddice
a se medesmo questo tu' trovare.


Parafrasi

Dante Alighieri, Cecco, che è tuo servo e tuo amico, si raccomanda a te come al suo Signore; e ti prego in nome del dio dell'Amore, che è stato tuo padrone già da molto tempo, di perdonarmi se ti dico una cosa spiacevole, che mi dà coraggio a far tanto la nobiltà del tuo cuore; questo è quello che voglio dirti: io non sono d'accordo con una certa parte del tuo sonetto. Poiché a mio parere in una strofe il tuo sonetto dice che tu non capisci i sottili ragionamenti di chi vide la tua Beatrice; e poi hai detto alle «tue care donne» che lo capisci bene; dunque questo tuo componimento contraddice a se stesso.



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".