Tema sull'igiene personale


Tema svolto:
L'igiene, in ambito medico, è una scienza che si occupa dell'interazione che c'è tra il corpo umano e l'ambiente esterno. Quando si parla di igiene personale si intende una cosa meno complessa e che eseguiamo ogni giorno automaticamente, ed è la pulizia del corpo. In un passato molto lontano, l'igiene non era indispensabile. Le persone, anche quelle ricche, preferivano utilizzare i profumi per coprire i propri cattivi odori ed il bagno era più che altro un evento, un momento di totale relax, più che un'abitudine giornaliera. Si può pensare che l'igiene personale sia aumentata di importanza a partire dal 1915 con il miglioramento e l'incremento dei sistemi idrici, l'aumento drastico della produzione del sapone, la costruzione di bagni e lavanderie che incoraggiavano le persone a lavare frequentemente se stesse ed i loro indumenti. Anche l'utilizzo di caldaie hanno agevolato l'igiene personale, anche perché alcuni preferivano non lavarsi piuttosto che gettarsi addosso acqua gelata. Con il miglioramento del livello di igiene ci sono stati effetti globali impressionanti: l'aspettativa di vita è aumentata di quasi il 40%, mentre il tasso di mortalità infantile, dal 1950 al 1995, è diminuito del 60%.
Quando ancora non esistevano i disinfettanti, la semplice igiene personale bastava per migliorare le condizioni di vita e, ciò ha contribuito significativamente alla riduzione dell'incidenza delle malattie. Poi venne l'era dei disinfettanti ed insieme al sapone, il loro impatto è stato notevolissimo.
Quando si parla di disinfettante non si deve pensare a un prodotto aggressivo per l'igiene ma a qualcosa di semplice e da tenere a portata di mano, per esempio in casa, dove il quantitativo di microbi è certamente inferiore a quello di un ospedale e proprio per questo sono meglio attrezzati.
L'igiene personale non è solo il bagno o la doccia completa, perché quando si va a casa di altri non si può chiedere di potersi fare una doccia per potersi prendere cura del proprio igiene. Anche il "lavarsi le mani", è una forma di igiene, anzi è il metodo più efficace per evitare la diffusione delle malattie.
Per fare un esempio, quando si ha il raffreddore, si starnutisce e ci si mette la mano davanti alla bocca, questo gesto basta per fare in modo che i microbi del raffreddore non si spostano  immediatamente da una persona all'altra. La mano è però rimasta "contaminata" è andrebbe lavata usando il sapone ma spesso per pigrizia o perché non si ha il giusto equipaggiamento per l'igiene personale (le salviette umide) la si lascia asciugare. A questo punto basta dare una stretta di mano ad una persona per infettare anche la sua mano con il raffreddore, che è un malanno banale e passeggero, ma che potrebbe essere anche qualche altra malattia più grave. L'igiene personale non è quindi solo il rispetto per se stessi ma anche rispetto per gli altri. Lavandoci facciamo in modo che il nostro corpo sia pulito e sano, da non creare problemi di salute agli altri e che non puzzi. Può capitare a tutti di fare una corsa per arrivare alla fermata dell'autobus e di puzzare per il sudore, ma l'igiene personale non è l'essere sempre puliti e profumati ma andarsi a lavare quando se ne ha la possibilità e quindi in questo caso, una volta arrivati a casa. Per un mondo più pulito, bisogna iniziare a pulire se stessi. :)

LEGGI ANCHE: Tema sulla salute degli italiani



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".