Come trovare un hacker professionista a pagamento


Ogni tanto in TV si sente parlare di hacker che creano non pochi casini ai siti del governo o di aziende molto importanti su internet. Di solito non "attaccano" un sito senza un motivo, lo fanno perché si sentono a loro volta attaccati o perché vengono sfidati o pagati molto bene. Il più delle volte gli hacker lavorano per altre persone proprio per rimanere anonimi e non finire direttamente nell'illegalità (ma indirettamente si), ed offrono le loro capacità per scopi illegali come distruggere un sito, rubare le password, trovare falle nei sistemi di sicurezza ecc. Insomma, cose che un ragazzo con delle buone conoscenze informatiche non potrebbe mai fare. Qualsiasi nerd smanettone di pc avrebbe voluto conoscere qualche "trucco" di hacking, magari alla fine ci riescono a fregare qualche amico per fargli uno scherzo, ma la verità è che per diventare hacker professionista bisogna avere talento, conoscenze e anche fortuna dato che il rischio di farsi beccare è molto elevato.
Dato che non si può diventare hacker semplicemente leggendo un libro acquistato online, se sentite il bisogno di trovare qualcuno con queste capacità, potete noleggiare un hacker online, pagandolo ovviamente!

Il sito neozelandese Hacker's List si propone come un luogo dove poter assumere un hacker professionista. Tutti gli hacker sono già registrati e non dovrete faticare a trovarne uno, si possono assumere mantenendo l'anonimato per la realizzazione di qualsiasi operazione di hacking.

Per iniziare bisogna indicare il proprio progetto e pagare in anticipo. I soldi non andranno subito al hacker incaricato ma verranno bloccati dall'amministrazione del sito fino a quando il progetto non sarà considerato terminato. Più sarà difficile il compito assegnato e più alto sarà il prezzo, prezzi che possono essere abbordabili (30$) per operazioni semplici ma anche proibitivi (max 5000$) per operazioni complesse/rischiose.

La forza di questo sito consiste nell'anonimato appunto e, sulla fiducia; probabilmente solo lo staff conosce realmente gli hacker che lavorano per esso ed i soldi non vanno direttamente a chi svolge il lavoro ma al sito e quindi si presume che il loro intento sia avere uno staff serio per accrescere il numero di clienti. E poi gli amministratori del sito si prendono anche una percentuale ad ogni lavoro portato a compimento.

Il funzionamento del sito, seppure in inglese, è piuttosto immediato, cliccando su Browse è possibile vedere le richieste degli utenti con il loro rispettivo prezzo mentre cliccando su Start new project ci si può registrare (meglio se con un nome inventato) e mettersi nei panni del hacker che risolve i "problemi" degli altri.

Si inizia con lo scrivere una richiesta d'aiuto e poi si devono aspettare gli hacker che si candidano rispondendo alla vostra richiesta indicando grossolanamente le loro idee ed il modo con cui porteranno avanti il vostro compito.

Una parte del sito che mi ha particolarmente incuriosito è che dicono di essere il primo sito a fornire servizi di questo tipo ed allo stesso tempo hanno inserito un avviso per gli utenti al fine di limitare tutte quelle richieste considerate illegali (rubare password, spiare codici segreti, rovinare siti ecc.).

E' facile intuire che il 90% delle richieste non sarà per attività legali, altrimenti sarebbe stato più facile pagare un tecnico piuttosto che un hacker e quindi ci sono buone possibilità che un sito come questo, di cui hanno parlato tantissimi notiziari online possa avere vita breve. Però bisogna ammettere che l'idea è davvero unica e quindi se riescono a regolamentarlo un po' meglio potrebbe continuare su questa linea e, secondo me, vederlo tutt'ora online ed operativo è già un successo.



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".