Marcovaldo e le stagioni in città, riassunto e analisi


di Italo Calvino
Riassunto:

Sono venti racconti, ognuno è dedicato ad una stagione. Il personaggio che dà il titolo al libro è Marcovaldo, un operaio addetto al carico e scarico delle merci, in una ditta che si chiama S.B.A.V. Marcovaldo, venuto dalla campagna in città per trovare lavoro, ha moglie e quattro figli da mantenere ed è sempre senza un soldo. In mezzo al cemento e all’asfalto della città inquinata, egli crede ogni tanto di rivedere un po’ della campagna lontana, ma si tratta di una illusione e i suoi entusiasmi vengono sempre mortificati. I racconti hanno sempre un tono scherzoso nella prima parte e un po’ malinconico alla fine. Marcovaldo non si perde d’animo e continua a sperare, perché è un uomo fiducioso e pieno di buona volontà.Questi racconti furono scritti da Italo Calvino fra il 1952 e il 1962, quando in Italia si era diffuso un certo benessere, dopo i disastri della seconda Guerra mondiale e i nuovi ricchi provavano la gioia di spendere e spandere dopo tante privazioni; ma si trattava di un numero ristretto di persone e c’era ancora tanta miseria.
Le avventure che si susseguono mostrano come la società delle città moderne possano arrivare ad influenzare le persone ed il loro rapporto con la natura. Spesso Marcovaldo si trova ad affrontare la burocrazia, l'inquinamento, le logiche di mercato, il lavoro ed il denaro. Questi nemici vedranno sempre soccombere il povero manovale, ma forse la sua dote migliore è incassare e stoicamente, come un novello Don Chisciotte, Marcovaldo semplicemente va avanti, sopravvivendo fondamentalmente fiducioso del futuro.
Un altro elemento che accomuna i singoli racconti è il fatto che Marcovaldo va in cerca della natura in città. Però, la Natura che lui trova non è quella idillica, genuina di cui sogna, ma è dispettosa e compromessa con la vita cittadina cioè artificiale. La contrapposizione dei sogni genuini di Marcovaldo alla sobria realtà, rappresentata sia dall'ambiente cittadino, sia dalla moglie Domitilla, rende la lettura molto dilettevole.

Personaggi

Personaggi principali:
- Marcovaldo: è il protagonista dei racconti di questo libro. E’ un uomo di mezza età che lavora in una ditta nella città. È anche abbastanza povero e sommerso da molti debiti poiché deve mantenere una famiglia numerosa, con cui vive in uno strettissimo appartamento. Marcovaldo prova molta nostalgia per la campagna e la natura e con entusiasmo cerca di trovarla anche nella città e di farla conoscere ai suoi bambini.

Personaggi secondari:
- la moglie di Marcovaldo, Domitilla, appare un po’ burbera e sempre contraria alle decisioni del marito. Si occupa delle faccende domestiche e dei bambini.
- I figli di Marcovaldo sono molti, circa otto, tra cui i più citati sono Michelino, Filippetto e Teresa.
- Il signor Viligelmo è il capo di Marcovaldo e un signore autorevole.

Spazio e tempo

Ambiente: I racconti sono ambientati per lo più in una città, di cui non viene detto il nome , nella casa di Marcovaldo o nella ditta per cui lavora.

Tempo: Le storie raccontate si svolgono in età contemporanea all’autore e quindi alcune decine di anni fa rispetto a noi. L’epoca emerge dalle descrizioni della città, dei mezzi (macchine, tram, autobus), delle industrie e della situazione in cui si trova Marcovaldo. Egli infatti si è spostato dalla campagna verso la città per trovare migliori condizioni economiche.

Commento:

Leggendo questo libro, ho provato una certa malinconia, nonché tristezza e un grande senso di amarezza. Sono queste infatti le emozioni che mi trasmettono le storie di Marcovaldo. Sebbene l’autore abbia dato un tono ironico alle sue avventure, io trovo che dietro a queste vicende ci sia un significato molto più profondo. Esse mettono in evidenza il continuo trasformarsi della società contemporanea, che trascorre una vita frenetica in città alla ricerca del denaro, dimenticandosi delle innumerevoli bellezze della natura. Marcovaldo prova una grande malinconia per la vita passata in campagna e cerca di trovare un angolo di natura e di farlo rivivere dentro di lui anche nella città piena di cemento, smog e macchine.



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".