Traduttore sardo italiano online


Il sardo (detto "sardu") è la lingua co-ufficiale della Sardegna, subito dopo l'italiano ma solo per legge perché di fatto si sa che non è affatto così. Il sardo è classificato come lingua romanza occidentale e considerato la più conservativa delle lingue derivanti dal latino.
Le due principali macrovarianti della lingua sarda sono il sardo campidanese (parte centro-settentrionale) e sardo campidanese (parte centro-meridionale).

Dato che questa lingua non è alla portata di tutti, eccovi una lista dei migliori traduttori sardo/italiano e dizionari online:

1) Vocabolario sardo: qui è presente il classico dizionario online con le parole sarde disposte in ordine alfabetico. Per ciascuna di essa troverete traduzione in italiano, il relativo significato e un esempio di frase in sardo.

2) SardegnaWeb: come scritto nel sito dedicato alla regione Sardegna troverete non un vocabolario bensì un "vocabolarieddu" italiano/sardu contenente oltre 30.000 vocaboli. Dovete inserire la parola in italiano nello spazio bianco e poi cliccare sul pulsante TRADUCI posto sotto di esso, la traduzione ed il significato vi apparirà nel riquadro in alto.

3) Glosbe: si tratta di un ottimo dizionario piuttosto affidabile che traduce dal sardo all'italiano e viceversa.

4) AntoninuRubattu: il vocabolario di questo sito comprende una vasta selezione di parole in italiano con corrispondente traduzione in sardo. Va selezionata la lettere dell'alfabeto e poi scorrere le pagine utilizzando i numeri.

5) Dialettando: se inserite una parola in italiano o in sardo nella "ricerca combinata", selezionate come regione "Sardegna" e, cliccate su cerca, troverete le traduzioni migliori per quella parola in base alla località.

6) Sardopoliè un piccolo dizionario sardo che include i termini più utilizzati nella lingua sarda disposti per ordine alfabetico.

7) Wikipedia in sardo: se già conoscete il sardo potrebbe interessarvi il sito Wikipedia che presenta un archivio di oltre 4.000 articoli in sardo.

Se alla versione online preferite il cartaceo vi consiglio di andare sul sito Amazon e scegliere il dizionario per voi migliore e conveniente.



3 commenti :

  1. Complimenti per l'articolo, molto utile, ma se prima si parla di lingua romanza poi non la si può definire dialetto :-) Inoltre le varianti principali sono due appunto: Sardo logudorese che si parla nella sardegna Centro-settentrionale, e Sardo meridionale (o Campidanese). Oltre queste ci sono il Gallurese, il Sardo Corso e quelle minoritarie come l'algherese, variante del Catalano, e il Tabarchino. Chiedo scusa per la precisazione e ancora complimenti.... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai fatto bene a segnalare l'imperfezione, tra l'altro grazie al tuo commento ho notato che alcuni siti neanche funzionavano più e li ho sostituiti con altri. Prossimamente aggiungerò anche le app per Android.

      Elimina
    2. Mi permetto di precisare alcune cose perchè sul tema si fa sempre gran confusione ma è tutto molto semplice. 1) Il sardo non è un dialetto dell'italiano ne di alcuna altra lingua europea ma rappresenta un gruppo a parte. Ha uno standard riconosciuto dalla Regione Sardegna (LSC), che è di fatto la lingua ufficiale. Ha -come per italiano e altre lingue- diverse pronunce e dialetti. 2) La divisione tra campidanese e logudorese è superata secondo i più recenti studi linguistici, in quanto manca di precisione e si è dimostrata superficiale ed arbitraria sul piano linguistico. 3) Vi sono altre minoranze linguistiche storiche, giustamente non inserite nella descrizione relativa al sardo, in quanto NON facenti parte della lingua sarda. Sono il catalano algherese e il sassarese. Poi si parlano due dialetti 'italiani': il gallurese (o sardo-corso) della famiglia del toscano e il tabarchino, dialetto di famiglia ligure. 4) Aggiungo che il sardo è la seconda lingua parlata in Italia, dopo l'italiano. Grazie e saluti ad entrambi.

      Elimina

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".