Come bloccare o sbloccare un widget di Blogger


Se si usa Blogger, si dovrebbe già sapere che dalla sezione Layout è possibile aggiungere un widget e spostarlo ovunque si voglia. Se alcuni widget sono stati inseriti di default perché si è scelto un tema classico di Blogger o perché si è deciso di utilizzare un tema preso dal web è probabile che vi siete imbattuti nei widget inamovibili. Come fa intuire la parola stessa, questi widget non si possono spostare ma nemmeno cancellare, per esempio il widget Attribution "Powered by Blogger" che spesso si decide di eliminare rientra trai widget inamovibili, quindi è un widget bloccato.

Per bloccare o sbloccare un widget di Blogger si deve andare su Modello > Modifica HTML e cliccare sul pulsante Vai al widget e selezionare quello giusto (HTML1, HTML2, HTM3 ecc.). Per facilitare la ricerca del widget corretto, assegnategli un nome così lo ritroverete nel modello per nome.

Per esempio se guardate lo screenshot sottostante, avevo messo nel titolo del widget "LINK UTILI" e questa scritta mi appare anche nel modello, in questo modo riesco a capire che il sui ID è HTML15.


Dopo aver individuato l'ID del widget è possibile sbloccare o bloccare un widget, modificando il codice presente all'interno della stessa riga.

Se il widget è bloccato presenterà questo codice all'interno della riga stessa:
locked='true

Se il widget è sbloccato presenterà questo codice all'interno della riga stessa:
locked='false'

Si tratta solamente di sostituire la parola "true" con "false" e viceversa per sbloccare o bloccare un widget.

Per chi gestisce un blog non serve quasi a nulla bloccare i widget, questa operazione viene eseguita solo da chi crea un modello e non vuole che il suo widget venga rimosso con facilità. Invece è molto importante saper sbloccare un widget per il motivo già detto in precedenza: spostarlo o rimuoverlo del tutto.



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".