Mappa concettuale: Antonio Canova



Antonio Canova (1757-1822) fu il massimo esponente del neoclassicismo, detto il nuovo Fidia. Nasce a Possagno (Treviso) e si forma in ambiente veneziano dove morirà; fu influenzato dallo scultore barocco Gian Lorenzo Bernini, svolge la maggior parte della sua attività a Roma. Fu il ritrattista ufficiale di Napoleone e ispettore generale delle belle arti dello stato della chiesa (1802). Fa rivivere nelle sue sculture la bellezza delle antiche statue greche secondo i canoni che insegnava Winchelmann, archeologo e storico dell'arte tedesca, fautore del criterio dell'evoluzione degli stili artistici con "La nobile semplicità e la quieta grandezza". Scolpisce 2 tipologie di soggetti con anatomie perfette e psicologie assenti, colti nel momento pregnante di quiete assoluta dopo l'azione. Le allegorie mitologiche sono: Teseo sul Minotauro, Amore e Psiche, Ercole e Lica, Le 3 Grazie. I monumenti funebri a... (cari al Foscolo) sono: Clemente 14° e 13° e a Maria Cristina D'Austria, qui le figure varcano la piramide dell'oltretomba, hanno uno schema classico dei 3 piani sovrapposti, la figura del papa è il terzo livello, il sarcofago è il secondo livello, le allegorie della morte sono il primo livello.




Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".