Mappa concettuale: 2° rivoluzione industriale



La seconda rivoluzione industriale che ha come protagonista la borghesia è partita dalla Gran Bretagna per poi espandersi negli Stati Uniti e Germania. Dal 1870 accelera lo sviluppo industriale con un dialogo tra scienza, tecnica e industria dal quale nascono nuove scoperte:
  1. Convertitore - Bessemer, 1855.
  2. Dinamite - Nobel, 1867.
  3. Telefono - Meucci, 1871.
  4. Lampadina elettrica - Edison, 1879.
  5. Locomotiva elettrica - Siemens 1879.
  6. Motore a benzina - Daimler/Forest 1884.
  7. Telegrafo senza fili - Marconi, 1897.
  8. Dirigibile - Zeppelin, 1900.
  9. Aereo - Wright, 1903.

Accelera anche con l'unificazione del mercato mondiale (tutti i paesi sono coinvolti) per il bisogno di materie prime, qui si mette in evidenza il divario tra i paesi sviluppati e non per le esportazioni di capitali e di materie prime. Lo sviluppo industriale accelera anche con il movimento di capitali: gli stati finanziano armamenti e trasporti, ci sono nuove forme di società e il controllo delle banche sulle imprese. Poi anche con lo sviluppo di nuovi settori produttrici: siderurgica, meccanica, chimica, energia elettrica e petrolio, trasporti.



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".