Commento: Piccolo testamento, Montale


Introduzione:
In “Piccolo testamento” Montale vive la situazione storica del momento: infatti non aveva giurato fedeltà al regime fascista anzi, è come se avesse aperto guerra in maniera esplicita!

In questa poesia tiene alte le proprie certezze, non schierandosi così tra i seguaci né dei chierici rossi né dei neri, perché sostiene che entrambi sono chiese con ideologie assolute, e secondo lui non esiste una sola ed unica verità.

In questo periodo il mondo è diviso da queste due ideologie: alcuni appartengono al partito comunista e altri alla democrazia cristiana. L’Italia si schiera con la DC alleandosi così con l’America e giovandosi dei benefici che gli portava.

Qui Montale riporta quali sono i sentimenti che la gente provava, riferendosi anche alla paura della fine del mondo, alla paura di una nuova guerra, ancora più potente, come la guerra nucleare e la bomba atomica... (infatti ricorda che quelli sono gli anni della guerra fredda..che non è stata combattuta proprio per il deterrente atomico!)

Commento:
Questa poesia parla del pensiero del poeta e della sua ideologia: è un pensiero autonomo e staccato da quelle precostituite. È un piccolo testamento che il poeta lascia ai lettori perché la sua idea era che questa fosse l’ultima poesia. Chi è questo Lucifero = qualcuno lo ha interpretato come il comunismo, poi però si è riflettuto sull’ombroso portatore di luce dai contorni drammatici: è la bomba atomica. I Giapponesi sono stati prima illuminati e poi uccisi. Cioè la sconfitta della ragione umana si ha con la bomba atomica. Se il lettore conserverà l’idea del poeta potrà tirarla fuori per non farsi coinvolgere nella follia umana. Quindi la sardana non è il comunismo ma la bomba atomica. Chi sa aggrapparsi alla propria idea si salverà, chi invece va dietro alle ideologie che cadranno non avrà appigli. Si deve essere coerenti, logici e razionali con se stessi!



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".