Si può tenere il cellulare acceso in aereo in modalità offline?


La modalità offline o aereo presente ormai in tutti i cellulari si può dire grossolanamente che ha la stessa funzione di un cellulare spento: in quanto l'unico consumo della batteria è quello dell'orologio; quindi attivando la modalità offline non arriveranno sul momento tutti gli sms e le chiamate, se siete collegati con il wireless la connessione si disattiverà automaticamente, questo per dire che non sarà possibile usufruire di qualsiasi servizio per cui serva la rete. In questa maniera, le onde radio non interferiscono con le apparecchiature dell'aereo per questo qualche telefono porta la scritta "modalità aereo".

Da anni ci si è sempre chiesti il motivo per cui fosse presente la modalità aereo se poi il cellulare non può essere utilizzato durante il volo, in realtà qui fa gioco un po' l'ignoranza perché in modalità offline è sempre stato possibile tenere il cellulare acceso tranne nelle fasi di rullaggio, decollo e atterraggio. Uno smartphone in modalità aereo presenta ugualmente attività elettronica interna basti pensare alla cpu, al display, alla memoria, al software che potrebbero generare dei micro-disturbi molto ridotti per questo le compagnie aeree per cautela chiedono di spegnere ogni apparato elettronico. La verità è che secondo i sondaggi 1/3 dei viaggiatore si dimentica di spegnere il cellulare o di metterlo in modalità offline e non è successo mai nulla!

Nel 2014 ci sarà la svolta infatti come riporta l'Ansa sarà possibile utilizzare i cellulari anche in decollo e atterraggio inoltre sarà possibile utilizzare anche apparecchi che emanano onde radio come la radio (con cuffie ovviamente), pc portatili e iPod.

Questa rivoluzione dei viaggi in aereo non deve far preoccupare quei passeggeri pessimisti perché gli aerei moderni sono più robusti rispetto al passato, sono più protetti dalle interferenze elettromagnetiche e poi basti pensare che già vi sono aerei equipaggiati con connessione internet, l'unico problema potrebbe essere legato al disturbo acustico: al ticchettare dei tasti o ancora peggio ai suoni emessi da essi.

Tutto questo va a favore di coloro che non riescono a fare a meno della tecnologia che almeno per quanto riguarda l'areo è sicuramente un ottima amica soprattutto si viaggia per molte ore, quando non si capita nel lato finestrino e quando la persona seduta a fianco non è delle più socievoli.



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".