Il Predicato Nominale e Verbale- Grammatica


Il Predicato Nominale e Verbale- Grammatica

I verbi in analisi logica si chiamano predicati.
Il predicato (dal latino praedicare = dichiarare) ha la funzione di dire ciò che il soggetto è, fa, subisce ecc.

Il predicato è l'elemento fondamentale intorno a cui si organizza la proposizione e spesso basta da solo a costituire un discorso: Piove.
A seconda del tipo di verbo e del modo in cui la forma verbale è usata, il predicato si distingue in:

 PREDICATO VERBALE: se è formato da un verbo.
attivo - passivo - riflessivo
 PREDICATO NOMINALE: se è formato da un sostantivo o aggettivo (nome del predicato) unito al soggetto per mezzo di una voce del verbo essere detta copula:
La notte è piena di stelle = (è: copula); (piena: nome del predicato)
Giorgio è un giocatore di pallacanestro = (è: copula); (un giocatore: nome del predicato)

Formano predicato unico:

I verbi servili + l'infinito a cui si accompagnano:
devo partire, non posso venire, voglio entrare;

I verbi fraseologici + l'infinito o il gerundio o il participio a cui si accompagnano:
non mi lascio commuovere, sto leggendo, si sente abbandonato;

Le locuzioni verbali quali
aver fame, aver sete, aver fretta ecc.

e le forme perifrastiche, quelle cioè formate da perifrasi o giri di parole come:
stare per, aver intenzione di, essere in procinto di,
essere lì lì per, essere sul punto di, essere da, proposi di ecc

Esempi di frasi:

Marco ha fame. Stavo per scriverti.
Questa storia è da raccontare.

Vediamo degli esempi di analisi logica:
  • Nadia legge. = soggetto + predicato verbale.
  • Livia è bionda. = soggetto + predicato nominale
  • Fabio deve partire. = soggetto + predicato verbale
  • Massimo è sul punto di ritornare = soggetto + predicato verbale
  • Marco sta leggendo. = soggetto + predicato verbale

L'ellissi del predicato

L'ellissi del predicato è meno frequente dell'ellissi del soggetto; si verifica solitamente all'interno di dialoghi:
Chi ha rotto il vaso? Peppino.
Tua sorella ha già voluto la sua stanza. E tu?

Ellissi del soggetto e del predicato

Spesso si utilizzano frasi di questo genere:
Una spremuta d'arancia, grazie. 
Quanto? Tredicimilacinquecento.

Anche qui soggetto e predicato sono ricavabili dal contesto, dalla situazione. Le frasi complete sarebbero:
Vorrei una spremuta d'arancia, grazie.
Quando devo pagare?
Lei deve pagare tredicimilacinquecento.

Occhio al verbo essere

Il verbo essere: copula, ausiliare o predicato?
Osserviamo queste tre frasi:
Il canotto è in riparazione.
La pera è matura.
Il ramo è fiorito.

L'analisi di un predicato con il verbo essere richiede una particolare attenzione. Infatti le diverse funzioni che possono essere assunte da questo verbo possono indurre in errore.
Nella prima frase essere ha funzione di predicato verbale e può venire sostituito dall'espressione si trova.
Nella seconda frase essere ha funzione di copula perché serve a collegare il soggetto con un suo stato.
Nella frase è invece ausiliare del verbo fiorire, usato intransitivamente, al passato prossimo.

Predicato e nomi collettivi

Con i nomi collettivi quali parte, numero, turba, folla ecc. il predicato, invece di concordare con essi al singolare, può accodarsi anche al plurale con le persone, gli animali o le cose che quelli designano: Un gran numero di soldati fuggi (o fuggirono). Questo tipo di accordo si chiama costruzione a senso.

LEGGI ANCHE: Frasi con il predicato nominale
LEGGI ANCHE: Frasi con il predicato verbale

Nessun commento:

Scrivi un commento

Se trovate imperfezioni o volete aggiungere qualcosa all'articolo lasciate un commento.
Per commentare, dovete usare un account Google / Gmail.