Commento: Alla luna


Commento: Alla luna

Commento: Alla luna di Giacomo Leopardi

Il poeta guarda la luna che rischiara il colle e la selva e ricorda che l'anno prima gli era apparsa nebulosa e tremula perchè egli aveva gli occhi pieni di pianto per l'angoscia che sentiva in sè. Ora la guarda senza lacrime, anche se il dolore in lui non si è dissolto: il ricordo è sempre di grande sollievo per l'uomo angustiato dall'infelicità della vita. Nella dolcezza del ricordo si placa, quindi, il tormento del poeta ritornato sul colle dell'infinito a mirare la luna alla quale parla con teneri accenti e con intima familiarità perchè essa è l'unica, muta testimone del suo dolore.

Nessun commento:

Scrivi un commento

Se trovate imperfezioni o volete aggiungere qualcosa all'articolo lasciate un commento.
Per commentare, dovete usare un account Google / Gmail.